Ragazze moldave

La Moldavia e’ una giovane nazione.Ogni ragazza moldava è diversa, quindi ci sono moldave belle, intelligenti ed educate e ci sono moldave brutte, poco intelligenti e maleducate!
Non è vero che diverse di loro vorrebbero sposarsi all’estero e che si dice che loro vorrebbero sposare persone benestanti in Italia

UN COMUNISTA RAZZISTA


UN COMUNISTA RAZZISTA. IL COLMO DELL'ASSURDITA'

di AURICA DANALACHI

Sono una extra-comunitaria, una dell’est, una che non ha vissuto il comunismo sovietico, ma che ne ha pagato e sta pagando le conseguenze. Immigrata per bisogno, ma soprattutto per rincorrere un sogno. La mia vita in Italia è la vita di tanti altri immigranti, che studiano, che lavorano, che hanno dubbi, incertezze, sogni e desideri. Ne ho sentito parlare dei così detti atti razzisti, atti offensivi della persona e mi sono sempre interrogata: ma che impatto hanno sulla vittima?!


Sfortunatamente, oggi, in una piccola cittadina, non lontana da Roma, il razzismo è capitato pure a me. L'ho sentito sulla propria pelle. ‘’Il razzismo’’ non come concetto, ne come entità astratta, ma come una cosa molto reale. Si tratta di un signore italiano, il cui nome mi è sconosciuto (al momento), comunista estremista dichiarato, di terza età.


È successo così. Stavo al negozio. Sola. Erano le 12:30 quando entrò un signore, il cui viso mi era conosciuto. Veniva raramente per qualche prodotto al negozio. È di Frascati, la titolare (del negozio dove lavoro) lo conosce bene, una volta parlammo di ‘’politica’’ (cosi egli seppe che ero dell’est, e per lo più di centro-destra). E allora, entrando in negozio, il signore mi fece una domanda che mi stupì. Ero io quella innamorata di Berlusconi? Si ricordava, dunque, di quella piccola conversazione. E subito dopo mi disse senza mezzi termini: “E allora perché non vai dal tuo Berlusconi a Villa Certosa insieme alle altre?”


Non mi fece parlare. Iniziò una serie di insulti e parolacce. „Alle prossime elezioni vinceremo noi e vi manderemo al paese vostro se non capite che siamo noi a difendervi i diritti, non la Lega e Berlusconi! Che invece vi vorrebbero impiccatti tutti!”


Così disse il nobile signore. Nella mia calma abituale, diedi qualche risposta per difendermi, non volevo che il mio cliente si accendesse di troppo. Questo però continuava sulla sua strada. Avrei forse dovuto chiamare i carabinieri, ma il cliente sicuramente se ne sarebbe andato prima del loro arrivo. Rimasi così sballordita a sentire quel signore e mi sembrava di assistere ad una scena di un film. A un certo punto lo invitai, come al solito gentilmente, di uscire dal negozio con la scusa che fosse l'ora della chiusura. Ma dovevo chiudere tra 15 minuti! Così se ne andò!..


Mia nonna mi diceva sempre: Non devi avere paura delle persone, ma delle loro menti. È stato forse questo il motivo per cui ho reagito in quel modo. O forse perché mi sono sentita debole in un paese che non è mio? Non saprei darmi risposta. Certo è che mi sono sentita tradita. Tradita da tutto il genere umano. Come si puo essere razzista nel ventunessimo secolo, in un paese civilizzato come Italia? È una follia!


Ma forse il nobile signore italiano non è un razzista? Ma forse è semplicemente un pazzo scatenato? Come si puo essere nello stesso tempo comunisti e razzisti? Questa è un'assurdità! Il comunismo promuove, oltre a tanti orori, il multiculturalismo.  Invece il razzismo si afermò con l'avvento del nazismo. Indipendentemente dalla logica (anche se dovrei precisare che nelle follie di logica ce n’è poca), qui spunta un altro elemento importante, ovvero: l’offesa alla dignità della persona non può trovare alcuna giustificazione.



fonte : http://moldaviinitaliano.blogspot.com/2011/10/un-comunista-razzista.html

Turismo dentale in Moldavia

L'agenzia Travel to Dentist, specializzata in turismo dentale, invita tutti gli interessati a risparmiare i soldi su impianti dentali. Offriamo alloggio, trasporto, preventivo gratuito. Chi e interessato della sua salute, chi vuole abbinare il bene ocn il piacere puo contattarci subito:
info@traveltodentist.com
skype TraveltoDentist
www.traveltodentist.com

Il Consolato Generale della Moldavia a Torino

Il Consolato Generale della Moldavia a Torino
di Annarita Scalvenzo
Il Consolato Generale della Moldavia di Bologna, in collaborazione con le ACLI ed il Patronato Acli, sarà presente a Torino sabato 28, presso la sede nazionale del Patronato Acli “Social Point” in via dei Quartieri 6.

Lo scopo della missione consolare itinerante, è quello di offrire alla comunità moldava residente a Torino e in Piemonte i servizi consolari: sarà possibile fare in loco molti dei documenti ed espletare le formalità burocratiche - escluso passaporto e visti - per le quali normalmente è necessario recarsi a Bologna.
Ricordiamo che tutti i cittadini moldavi, anche sprovvisti di permesso di soggiorno, possono usufruire dei servizi consolari e che nessun dato personale sarà trasmesso alle autorità italiane.

Gli orari di ricevimento per il pubblico sono i seguenti: sabato 28, dalle 8.30 alle 12. Per altre informazioni sul servizio, è possibile accedere al sito: www.bologna.mfa.md

fonte http://www.localport.it/eventi/notizie/notizie_espansa.asp?N=75188

Ragazza moldava in Italia ..

ciao sono una ragazza moldava di 17 anni e da più di 9 anni abito in Italia.Mi ci trovo a dir poco benissimo infatti faccio il liceo scientifico e spero un giorno di fare l'avvocato.I miei genitori sono entrambi moldavi e fanno tantissimi sacrifici per crescere nel migliore dei modi me e mio fratello minore.La mia vita non è stata facile specialmente laggiù in Moldavia: dai 2 ai 9 anni sono stata con mia nonna mentre i miei erano emigrati per cercare fortuna poi hanno trovato una casa decente e hanno portato anche me e mio fratello qui.Ho letto cose che mi hanno fatto veramente SCHIFO qui sopra,l'ignoranza della gente fa paura!e anche l'arroganza di alcuni italiani è veramente troppa!sarà anche vero che oggi come oggi molti miei connazionali fanno i lavori più umili che ci siano(e questo,parlo per gli eventuali italiani che leggeranno,non è certo una cosa di cui si fanno vanto) sono lavori che si fanno quando hai una famiglia sulle spalle e magari anche dei bambini non pensi più alla tua dignità ma pensi solo a come fare per dar da mangiare ai tuoi figli.Le donne non sono p.. o almeno non tutte esattamente come tutte le donne del mondo!Io sono abbastanza piccola per parlare forse ma credetemi tra un paio d'anni la situazione cambierà:i figli della povera gente emigrata qui conoscerà la sofferenza che c'è dietro e farà di tutto per non fare la stessa vita dei genitori e così studieranno e si impegneranno più dei figli di quegli italiani che ora puntano il dito verso di noi.

Post più popolari